Download Aria, acqua, terra e fuoco: Uragani, alluvioni, tsunami e by Fabio Vittorio De Blasio PDF

By Fabio Vittorio De Blasio

Questo secondo quantity prosegue los angeles breve trattazione sulle catastrofi naturali. È l. a. volta delle catastrofi dell’acqua e dell’aria, spesso sui giornali quando un uragano o un’inondazione colpiscono il nostro pianeta. E anche delle minacce cosmiche, infrequent ma in grado di annientare l. a. nostra civilt� .

Vedremo quegli straordinari eventi di cui conosciamo l’esistenza dallo studio degli strati geologici e dei fossili, ma los angeles cui causa è ancora avvolta nel mistero. Si tratta delle estinzioni di massa, episodi in cui los angeles biosfera è cambiata in maniera improvvisa e drammatica a causa di una catastrofe globale.

Tra un aneddoto e una digressione sulle basi scientifiche dei fenomeni e passando attraverso qualche caso di studio, si incuriosisce il lettore su un tema importante e coinvolgente.

Show description

Read or Download Aria, acqua, terra e fuoco: Uragani, alluvioni, tsunami e asteroidi PDF

Best italian books

Extra resources for Aria, acqua, terra e fuoco: Uragani, alluvioni, tsunami e asteroidi

Sample text

Verso la fine dell’inverno una strada e una casa al fronte del ghiacciaio di Black Rapids sembravano ormai condannate. Invece il ghiacciaio si fermò miracolosamente, risparmiandole. Le origini di questi surge, comuni soprattutto tra i ghiacciai norvegesi delle isole Svalbard, sono ancora misteriose. Oggi il ghiacciaio di Black Rapids è tenuto sott’occhio per via di un importante oleodotto che sarebbe minacciato da un altro aumento di velocità. GLOF È impossibile visitare i fiordi norvegesi senza rimaner affascinati dalla loro natura selvaggia.

Allo scopo di trattenere la sabbia vengono spesso usati i pennelli, ovvero moli di grossi blocchi rocciosi perpendicolari alla riva che fanno assumere alla sabbia una distribuzione a dente di sega (Fig. 1C). L’effetto dei pennelli dura poco, perché col tempo la sabbia in movimento tende a inghiottirli per sempre. Un’altra strategia prevede l’uso di breakwaters, ovvero strutture in mare aperto formati da enormi massi paralleli alla riva (Fig. 2). I breakwaters proteggono la riva dall’effetto distruttivo delle onde e con l’andar del tempo favoriscono la deposizione di sabbia verso riva.

Le faglie dirette e inverse causano un movimento del fondo marino verso l’alto o verso il basso e possono quindi perturbare la superficie dell’acqua. Nelle zone di subduzione come l’Indonesia e Sumatra prevale il regime compressivo ma non possiamo dedurne che le faglie siano sempre inverse. Di solito il movimento del fondo marino è complesso e comprende sia movimenti verso l’alto, sia verso il basso. Se la mano nella vasca viene mossa non verticalmente, ma in senso orizzontale, si vede che succede ben poco alla superficie dell’acqua.

Download PDF sample

Rated 4.56 of 5 – based on 45 votes